Aprire un E Commerce

Come aprire un e-commerce e vendere le tue creazioni online

Da casalinga di Voghera mi sono trovata a dover gestire alcuni momenti della vita in cui il lavoro scarseggiava; con figli piccoli trovare lavoro è praticamente impossibile in Italia dove le tutele per le neo-mamme rasentano lo zero. Ecco quindi che dopo uno stop di qualche anno, rimettermi in gioco nel mondo del lavoro non è stato così semplice. Poi l’utilizzo sempre più diffuso di internet mi ha portata a trovare l’idea per unire i miei hobby con il potere del digitale. Come? Ho aperto un piccolo e-commerce dove vendere le mie creazioni. Anche tu cuci, dipingi o crei altri oggetti che vendi in mercatini e fiere? Puoi farlo anche online, purché vengano rispettate alcune regole. Oggi ti svelo come aprire un e-commerce per vendere le tue creazioni online.

Si può avere un e-commerce senza partita iva?

Se per i mercatini occasionali è più che sufficiente rientrare in un tetto limite di incassi e non è necessaria la partita iva le cose cambiano online. Per vendere tramite e-commerce è obbligatorio avere una partita iva e il motivo è chiaro. Non è possibile considerare l’attività come “occasionale” proprio perché l’e-commerce è aperto sette giorni su sette e 24 ore su 24. Insomma, è un’attività a tempo pieno a tutti gli effetti. L’unico caso in cui è possibile agire senza partita iva è avere un compenso che non superi i 5000 euro annui e i 30 giorni lavorativi ogni 12 mesi. Per questo motivo non è possibile aprire un e-commerce senza partita iva.

Come aprire uno shop online: guida passo a passo

Sono diversi i passaggi che ti consiglio di fare per aprire il tuo e-commerce da zero. Per prima cosa contatta un commercialista di fiducia, spiega l’idea che hai in mente e scegli un professionista già abituato a lavorare nel mondo del digitale. 

Partendo dal capitolo burocrazia hai necessità non solo di una partita iva ma anche di iscriverti al registro delle imprese; per questo motivo e per adempiere a tutti i regolamenti e normative ti consiglio di rivolgerti ad un commercialista specializzato così che possa guidarti. 

Una volta effettuati questi passi cerca di avere già pronto il tuo business plan: si tratta di un progetto che puoi realizzare da sola o facendoti aiutare da chi è specializzato. Con questo file puoi tenere sotto controllo richieste di finanziamenti e prestiti, spese, uscite ed una volta inaugurato lo shop online anche le entrate così da comprendere se ti stai muovendo nella direzione giusta. 

A questo punto dovrai mettere le mani nella creazione del tuo negozio online. Per prima cosa scegli la piattaforma giusta, fatti aiutare da uno sviluppatore ma soprattutto punta su un hosting scalabile e di buona qualità. Ad esempio, io per il mio e-commerce ho utilizzato magentohosting.it che ho preferito per gli abbonamenti scalabili: si parte infatti da un basic ad un prezzo estremamente competitivo e adatto ai siti web in fase di sviluppo, per poi aumentare ad un abbonamento pro dedicato ai siti già avviati ed infine ad un business per siti con un traffico elevato. 

Evita il fai da te: l’e-commerce maneggia dati sensibili, ha bisogno di un sistema di sicurezza adeguato per la gestione dei pagamenti e soprattutto deve essere veloce, fruibile e user friendly. Il mio consiglio è di investire una cifra per pagare una web agency specializzata, oppure uno sviluppatore. In questo modo potrai ottenere lo shop online che desideri senza compromessi a livello di design o funzionalità. 

Come promuovere il tuo e-commerce

Sono diversi i modi in cui puoi promuovere il tuo shop online facendolo conoscere ai più. Sappiamo che molte persone utilizzano con facilità grandi e-commerce come Amazon, Etsy o altre piattaforme simili come puoi quindi conquistare la fiducia degli utenti? Ci sono diversi modi. 

Per prima cosa lavora sulla tua brand identity, fai in modo che il tuo nome diventi riconoscibile e soprattutto proponi prodotti unici che non possono trovare altrove. A questo punto aggiungi delle clausole di reso che fanno stare tranquille le persone e soprattutto delle modalità di pagamento sicure come Paypal, ad esempio.Vuoi mettere la quarta al tuo nuovo sito web? Nessun problema: puoi optare per delle campagne pubblicitarie sia su motori di ricerca che sui social dopo aver studiato il target oppure puoi pubblicizzare il tuo lavoro attraverso l’utilizzo di video.

Torna su